Dal 02 novembre 2015 Prevenzione e controllo dell'influenza: le raccomandazioni per la stagione 2015-2016

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Piano nazionale prevenzione vaccinale (PNPV) 2012-2014 riportano, tra gli obiettivi di copertura per la vaccinazione antinfluenzale, il 75% come obiettivo minimo perseguibile e il 95% come obiettivo ottimale negli ultrasessantacinquenni e nei gruppi a rischio. 

L’influenza costituisce un importante problema di sanità pubblica a causa dell’elevato numero di casi che si verificano in ogni stagione e per le possibili gravi complicanze che possono seguire alla malattia, in particolare per le persone già affette da patologie croniche. Come ogni anno, anche per la prossima stagione invernale, il Servizio Sanitario Nazionale promuove e mette a disposizione la vaccinazione anti-influenzale. La vaccinazione rimane il mezzo migliore per prevenire e ridurre diffusione, gravità e letalità dell'influenza. 

La stagione influenzale 2014-2015 è stata caratterizzata da un’incidenza cumulativa medio-alta (108 casi per 1.000 assistiti). Purtroppo sono stati segnalati 485 casi gravi e 160 decessi da influenza confermata da 19 Regioni e Province autonome (contro i 93 casi gravi, dei quali 16 deceduti, della stagione precedente). Solo il 7,6% dei casi gravi segnalati riferiva di essersi vaccinato contro l’influenza dall'inizio della stagione. Tra i casi gravi, 11 donne erano in gravidanza al momento della segnalazione, una di loro è deceduta; nessuna era vaccinata.
In Veneto lo scorso anno sono state vaccinate 712.802 persone, oltre 52.000 in meno rispetto alla campagna dell’anno precedente, con un calo del 6,9% del numero di immunizzati dell’anno 2013- 2014. Nell’Ulss 8 lo scorso anno la copertura tra le persone anziane è stata del 45.7%, minore rispetto alle altre Ulss venete.

L’offerta attiva della vaccinazione antinfluenzale - l’avvio è fissato per il 02 novembre 2015 - è indirizzata prioritariamente e in modo gratuito alle donne che si trovino nel 2° e 3° trimestre di gravidanza, a tutti i soggetti a rischio di complicanze per patologie pregresse o concomitanti, ai soggetti di età pari o superiore ai 65 anni, agli operatori sanitari che hanno contatto diretto con i pazienti e ad altri soggetti a rischio il cui elenco è contenuto nella Circolare. All’infuori della categorie a rischio è comunque possibile richiedere la vaccinazione. Per tutti i soggetti della popolazione generale che decidano di vaccinarsi contro l’influenza stagionale, per varie motivazioni (timore della malattia, viaggi, lavoro, etc.), il vaccino stagionale è disponibile a pagamento presso le farmacie, oppure, tramite pagamento di tariffa, presso il Servizio igiene e sanità pubblica.

 

Ulteriori dettagli nel documento in allegato.

Per informazioni e vaccinazioni:
Ambulatorio di igiene e sanità pubblica di Vedelago
Via Toniolo, 2.
Tel: 0423 – 708817