PROLUNGAMENTO PISTA CICLABILE LUNGO S.R.53 IN VIA NAZIONALE A FOSSALUNGA

Image PROLUNGAMENTO PISTA CICLABILE LUNGO S.R.53 IN VIA NAZIONALE A FOSSALUNGA

Il Comune di Vedelago, da tempo sta attuando progetti e programmi nell'ambito della prevenzione degli incidenti e della diffusione della cultura della sicurezza stradale, sia singolarmente che in coordinamento con le altre Amministrazioni interessate anche partecipando ai bandi per il reperimento di risorse economiche, avviati dagli Enti territoriali e nazionali, nella specifica materia della mobilità lenta e della sicurezza dell’utenza debole della strada.
E' intenzione dell'Amministrazione promuovere la mobilità sostenibile mediante la realizzazione di piste ciclabili che forniscano un apporto positivo e sicuro alla mobilità di aree urbane e periurbane e che costituiscano altresì un’opportunità di sviluppo turistico sostenibile verso le aree di pregio ambientale e culturale.
Il Comune di Vedelago è attraversato in particolare da un primario asse viario costituito dalla S.R. 53 “Postumia” – Via Nazionale, che presenta particolare criticità nel tratto compreso tra l’area della casa di riposo e l’incrocio con viale Trieste a Fossalunga, in quanto privo di una banchina transitabile, con una elevata intensità di traffico. Il tratto stradale in questione, è caratterizzato specie nella parte terminale verso Fossalunga, dalla presenza di numerosi insediamenti residenziali, e da fermate del trasporto pubblico locale, specie per uso scolastico, con notevole pericolo per gli utenti che devono raggiungere tali fermate.
Si è dato avvio pertanto, alla progettazione di una pista ciclabile, che se pur con la realizzazione per stralci funzionali successivi (n. 3) considerata la notevole estensione del tratto stradale interessato, (circa 2.500 metri) possa al suo completamento, fornire un sicuro collegamento della frazione di Fossalunga con il capoluogo.

Per la realizzazione dell’intervento si rende necessario acquisire delle aree di proprietà di terzi modiante procedura espropriativa e, considerato che una parte delle aree interessate dall’intervento, non risultano già destinate allo scopo, nel vigente Piano degli interventi, si rende necessario procedere ad una variante al Piano degli Interventi (P.I.) per l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio con la procedura prevista dall’art. 24, commi 1 e 2, della Legge Regionale n. 27/2003 e s.m.i. in combinato disposto con gli articoli 10 e 19 del D.P.R. 327/2001.
Con Delibera del Consiglio Comunale n. 30 del 08.07.2019 è' stato quindi approvato il progetto di fattibilità dei lavori di cui si tratta con contestuale adozione di variante al Piano degli Interventi P.I. – vigente finalizzata all’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio.
Gli atti e documenti della variante sono pubblicati dal 19 luglio 2019 per la durata di 30 (trenta) giorni consecutivi decorsi i quali chiunque avrà la possibilità di formulare osservazioni entro i successivi trenta giorni.